Lezione 4.3: disegnare i pugni (e non prenderseli!)

Eccoci arrivati a un’altra lezione che, più che lezione, dovrebbe essere chiamata chiacchierata o gallery o qualsiasi cosa voi preferiate.

Se continuiamo a parlare delle mani nel fumetto, non possiamo assolutamente dimenticarci di discutere su come disegnare una di quelle posizioni che sono un po’ un must, il pugno.

I pugni possono esprimere rabbia, frustrazione, si usano anche nei momenti di gioia estrema, senza contare che sono fondamentali per un buon battle manga…ossia il mainstream del mainstream! Quindi prendiamoci un po’ di tempo per vedere come possiamo disegnare un buon pugno.

Corso di manga online: come disegnare i pugni

Iniziamo disegnando una forma abbozzata di un cerchio, al quale aggiungeremo qualche dettaglio molto accennato del polso e del pollice.

Adesso, ricordiamoci le forme base delle quali abbiamo parlato nella prima lezione di questo capitolo; quindi mantenendoci entro le linee che abbiamo tracciato prima, passiamo a squadrare tutte le forme, per abbozzare i dettagli della mano.

Facciamo un po’ più di attenzione all’attaccatura delle dita, che sarà sempre più o meno alla stessa altezza.

Consideriamo bene la parte posteriore (il dorso), tanto più la disegneremo corta, tanto più lo scorcio della mano sarà frontale.

Adesso procediamo ammorbidendo gli angoli delle dita e del polso, magari aggiungendo le pieghe che danno senso di “carne” attorno all’osso.

Poi, a seconda del tuo stile e del disegno che devi realizzare in quel preciso momento (o anche in base al personaggio, eh), possiamo scegliere se aggiungere dettagli che scuriscano il disegno (ad esempio, le nocche i tendini, l’osso del polso le ombreggiature) oppure lasciare la composizione pulita ed ariosa.

Diciamo che il secondo disegno si addice particolarmente ad una mano femminile, mentre il primo è perfetto per uno shonen.

Adesso vediamo il nostro pugno in qualche altra angolazione.
Per disegnarne uno visto dalla parte delle dita, iniziamo con il solito cerchio guida, con polso accennato.

Da qui possiamo scegliere di procedere in due modi differenti: tracciamo una linea a metà del cerchio e poi abbozziamo il pollice tracciando due specie di salsicciotti legati l’un l’altro, uno in verticale e l’altro in orizzontale (fig1).

Oppure possiamo tracciare una sorta di linee scheletro…questo potrebbe risultare un po’ complicato, allora, guarda attentamente la tua mano chiusa e cerca di immaginare le ossa sotto la pelle e riportale come semplici linee sul foglio. Dopo di ché abbozziamo i muscoli come abbiamo imparato nel primo tutorial. (fig2)

L’ultimo passo è, come sempre aggiungere i dettagli che rendano il tutto più realistico.

Imparare a disegnare le mani che tengono un oggetto

Possiamo dire che, una volta acquisita la giusta dimestichezza col disegnare i pugni, riusciremo a scomporre mentalmente molte posizioni.

In realtà è così difficile disegnare le mani perché la nostra mente non riesce a ricordarle in maniera corretta, dato che spesso sono più “sfuggenti” in confronto a un viso. Ma posso assicurarti che la pratica aiuta molto, e dove non riusciamo ad arrivare da soli possiamo sempre ricorrere al buon vecchio trucco del “mi scatto una foto e ricopio la posa”!

Cos’altro vi posso dire? Mmmh, vediamo, ah ecco, come ci dovremmo comportare con delle mani che stanno tenendo qualcosa?

In questi casi è molto importante ricordare che è la mano a modificare la sua posizione, non può essere l’oggetto solido ad adattarsi alla mano che abbiamo disegnato!

A questo proposito, magari ti potrebbe essere utile disegnare prima l’oggetto “incriminato” e poi solo in seguito aggiungervi attorno la mano che lo sorregge ( io almeno faccio così) la cosa fondamentale è di essere ben consci della forma della mano, se preferisci puoi disegnare anche le parti nascoste dal solido e poi cancellarle.

Bene, credo che quanto a posizioni complicate sia tutto, se vorreste vedere come disegnare qualche altra posizione non esitate a contattarmi!

La settimana prossima vedremo brevemente come adattare la mano al nostro personaggio.

Nel frattempo, per favore, condividi questo tutorial sui social e fra gli amici e se hai un dubbio o una domanda, commenta pure qui sotto!

9 pensieri riguardo “Lezione 4.3: disegnare i pugni (e non prenderseli!)”

  1. ^_^ molto interessante come lezione peccato che io riesca a disegnare le mani decentemente solo distaccate al corpo 😀 e non riesco a disegnarle insieme al corpo intero perché non so mai come posizionarle al meglio

  2. hei! :-) gran bella lezione ho imparato molto. prima mi venivano da skifo poi ho letto il tutorial e ora mi vengono molto meglio.
    ps:tu a ke età hai iniziato a disegnare ?

  3. Ciao , sei davvero bravissima e questi tutorial mi hanno aiutato molto.. siccome sono partito da ZERO! Ora piu o meno riesco a creare una faccia decente con dei capelli in testa xD ! E anche le mani le sto facendo Benino xD
    Comunque sei davvero brava , ti posso fare una domanda ?
    Anche tu hai iniziato da zero e autodidatta??

    1. ciao Antonio!
      Mille grazie per i complimenti :)

      Si, ammetto che ho iniziato da zero non appena ho saputo tenere dritta una matita in mano, come autodidatta, poi ovviamente qualche corso di specializzazione l’ho fatto – per darmi un metodo.

      E mi sono resa conto che effettivamente servono!

      1. OkOk Grazie per avermi risposto!
        Vorrei anche un consiglio da parte tua , se puoi..
        Allora tu mi hai scritto che effettivamente qualche corso potrebbe servire , ma in Italia se ne possono trovare di corsi che economicamente costano poco ? (ad esempio ho visto alcuni corsi che comportavano una paga di 3000 euro all’anno , e la durata era di 3 anni!!) Sapresti aiutarmi? Grazie ancora! E ancora complimenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *